L'anticamera del cestino

Raccolta differenziata di esperienze di dubbia utilità

La privacy su DropBox

leave a comment »

Stavo aspettando questa notizia da diversi mesi:

La piattaforma (n.d.r. in riferimento a DropBox) sul banco degli imputati: questa volta l’accusa è di aver mentito in merito alle effettive pratiche di sicurezza impiegate per la protezione dei dati personali degli utenti.
Da Punto Informatico del 15/05/2011

Il motivo principale che mi ha spinto alcuni mesi fa a sviluppare OurBox è proprio per non dover consegnare i miei file ad altri e per poter usare software libero. Poiché DropBox è un software a sorgente chiuso, non ci è permesso sapere come funziona. Dobbiamo necessariamente fidarci delle rassicurazioni del team di DropBox in merito al funzionamento del programma e alla gestione dei dati sui loro server.

In questi giorni, come segnalato su Diritto 2.0, il team di DropBox ha repentinamente cambiato le condizioni d’uso del servizio. Secondo Diritto 2.0, fino al 13 aprile 2011 le condizioni d’uso prevedevano che:

i dipendenti di Dropbox non sono in grado di accedere ai file degli utenti

ora prevedono che:

ai dipendenti di Dropbox è fatto divieto di visualizzare il contenuto dei file memorizzati negli account degli utenti".

Questi sono i rischi connessi all’uso di software non libero e soluzioni centralizzate.

Written by Max-B

17 maggio 2011 a 12:18

Pubblicato su Packages

Tagged with

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: